#LAmicoRitrovato

Ci sono libri che entrano nella nostra vita un po’ per caso, diventano magari determinanti per alcune scelte e poi restano lì, silenziosi tra cuore e mente fino a quando qualcosa non li riporta a galla con decisione perché aiutino a rispolverare la bellezza di pensieri e progetti.

Uno di questi l’ho incontrato nuovamente qualche giorno fa, chiacchierando con una ragazza alle prese con gli esami. Un libro che parla di Storia abbastanza recente, ma va oltre la storia semplice lasciando un messaggio importante per l’oggi di ognuno. L’amico ritrovato di Fred Uhlman. Un libro intenso, con un titolo stupendo! Chi di noi, almeno una volta, non ha desiderato ritrovare un amico? Lontananza, parole affrettate e idee, decisioni e fatti della vita (personale e del mondo intorno) talvolta allontanano ma i legami autentici restano e camminano anche quando a noi sembrano scomparsi: seminano piccoli segni e poi tornano ad affacciarsi per dire che ci sono, esistono e non muoiono. Il significato del termine “ritrovare”, oltre a evocare qualcosa di ripetuto, ci aiuta a focalizzare l’attenzione sul cercare con maggiore forza (di volontà e non solo). Ed è proprio ciò che, comunque, occorre fare sempre con le relazioni per mantenerle vive.

“Entrò nella mia vita nel febbraio del 1932 per non uscirne più”: così inizia il romanzo dell’autore tedesco che racconta l’amicizia tra due ragazzi, uno ebreo e l’altro no, costretti a fare i conti con l’irrompere negli Anni Trenta dell’ideologia nazionalsocialista. Hans e Konradin prendono strade diverse, idee e prospettive li separano, fino a quando uno dei due (quello che anni prima si era sentito tradito) non scopre la verità. E’ la verità ignorata, che si trova all’esterno, a fare luce sulle ombre che si portano dentro dove (quasi) tutto viene assolutizzato. L’incipit del libro contiene anche una data, non a caso: è facile che ci si ricordi del giorno dell’incontro con una persona diventata speciale… E anche oggi, forse, proprio per te che leggi, c’è qualcosa da ricordare e ritrovare.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *