#illibrodellabuonanotte

C’è una cosa che mi piace tantissimo fare, ed è leggere un po’ prima di spegnere la luce.

Mi riservo del tempo per farlo, per cui mi preparo per andare a letto un po’ prima di quello che sarebbe necessario, accendo la mia Tolomeo, metto dei cuscini a farmi da spalliera, mi rimbocco il piumone e mi godo un tempo tutto per me e tutto per un libro.

Alle volte leggo una mezz’oretta, alle volte dopo una pagina mi si chiudono gli occhi.

Ma è un rituale a cui non rinuncio mai. Tranne che se sono malata o proprio sfinita, ma sono le eccezioni che confermano la regola.

Credo di aver letto da qualche parte che leggere un po’ prima di andare a letto fa bene, migliora la qualità del sonno.

Per questo bisogna scegliere un libro adatto.

Quando, magari per lavoro, sto leggendo dei libri un po’ pesanti, o particolarmente cupi, violenti, disturbanti, allora mi scelgo un altro libro, come libro della buonanotte.

Quando invece sto leggendo qualcosa da cui non mi riesco a staccare, allora mi porto quello a letto.

Comunque sia, è un momento bellissimo: la giornata si è conclusa, il tempo del riposo è arrivato, concedersi un piacere prima di dormire è una piccola grande cosa.

E’ un momento molto privato, anche: non è vero che tutto sia più bello se è condiviso…

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *