#ifitsoutthereitsinhere

C’era una volta una bellissima e famosa pubblicità, per le Pagine Gialle di New York, che diceva “If it’s out there, it’s in here”, vale a dire se là fuori qualcosa esiste, lo trovate anche dentro il librone delle pagine gialle.

E i libri sono questa cosa e un po’ di più.

Se qualcosa succede là fuori potete star sicuri che prima o poi entra in un libro.

Ma i libri riescono a fare anche il contrario, a scrivere di cose che non sono e saranno, di cose che ancora là fuori non hanno visto la luce, ma che proprio perché stanno in un libro qualcuno lo realizzerà.

È per questo, secondo me, che i libri sono potenti come nessun altro mezzo al mondo.

Prima di tutto restano: soprattutto nel nostro mondo digitale. Pensate alle stories su Instagram, nate per scomparire dopo 24 ore e amate proprio per questo. E poi andate su una bancarella di libri usati, o in un Libraccio, e troverete sicuramente un libro che vi è prezioso, che vi dice qualcosa che non sapevate ma che vi serve o vi piace; un libro che è stato dimenticato, non voluto, magari pure odiato, di cui il proprietario si è sbarazzato. Ma il libro resta e va nelle mani di qualcun altro.

Beh, questo è molto bello, e consolante.

Conserviamoli, i libri nostri e quelli degli altri. If it’s in here, it might be out there…

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *